Carrello
è vuoto

Mostra i prodotti connessi...

Accessori Telescopi Generale Tecnica di fabbricazione Filtri a banda stretta

Si tratta di filtri che lasciano passare sono una determinata linea spettrale.

I filtri a banda stretta lasciano passare solo la luce di una determinata linea spettrale. Particolarmente diffusi sono i filtri OIII, SII e H-Alfa.

I numeri romani III e II indicano il grado di ionizzazione dell’elemento chimico che produce la linea spettrale. Quindi OIII ("ossigeno terzo") indica l’ossigeno ionizzato due volte, mentre SII lo zolfo ionizzato una volta. OI e SI indicano gli atomi elettricamente neutri.

I filtri a banda stretta sono perfetti per l’osservazione visuale e la fotografia di nebulose a emissione, resti di supernova e nebulose planetarie, poiché questi oggetti producono linee spettrali definite. Gli ammassi stellari e le galassie hanno invece uno spettro continuo, quindi per osservarle sono più adatti i filtri che abbattono la luminosità del cielo (CLS o UHC).

Esempio di uno spettro a linee di emissione (Fonte: Wikipedia) Esempio di uno spettro a linee di emissione (Fonte: Wikipedia)
24.07.2021


Spediamo in tutto il mondo
Valuta
Assistenza
Consulenza
Contatti